Donkey Kong Country: Retro-Recensione

Sharing is caring!

 

Con l’arrivo del Mini Snes,si apre la nostra rubrica del retrogame partendo da Donkey Kong. Recensiremo i 21 giochi che usciranno insieme alla storica console di Nintendo e tanti altri.

Correva l’anno 1993, molti di noi non erano ancora nati, le cose erano diverse da oggi, la dance la faceva padrona nelle discoteche. Erano gli anni degl’883 e dei 501 a vita altissima. Nel mondo dei videogame era in atto la console war che ha fatto la storia, quella tra Nintendo SEGA, a colpi di SNES e Mega Drive.

La Sony si occupava ancora di stereo e televisori, e la Microsoft si stava preparando a fare il suo ingresso nel mondo informatico.

Ma quell’anno viene ricordato dal mondo videoludico per l’uscita di un gioco destinato a lasciare il segno, non solo su SNES, Donkey Kong Country. Un titolo che sfruttava come mai accaduto prima l’hardware dello SNES e molti addetti ai lavori rimasero di stucco.

Oggi dopo 24 anni quel tiotolo sta per ritornare grazie all’annuncio del Mini Snes.

Date a Donkey le sue banane

Lo scopo del gioco è quello dei più banali che possano esistere, ma allo stesso tempo divertente. Il gocatore deve guidare Donkey Kong e Diddy Kong  al recupero delle banane rubate dal perfido King K, Roole ed i suoi Kemlings.

Userete quindi due scimmiotti con caratteristiche completamente diverse, potendo selezionare di volta in volta quello che muoverete direttamente voi, mentre il compagno vi seguirà scopiazzando le stesse azioni.

Nel caso una delle due scimmie venga abbattuta entra in gioco l’altra, abbattuta anche questa il gioco finisce…Game Over!

Il titolo è il classico platform 2D in cui vi troverete a saltare, stendere i nemici e raccogliere banane e bonus.

I livelli sono suddivisi in stage dove periodicamente affonterete il classico boss, il quale sconfitto vi farà accedere ad una nuova area di gioco. Il tutto son ben 34 livelli.

Per i combattimenti si avranno a disposizione diversi tipi di mosse, come ad esempio lanciare barili addosso ai nemici, nel più classico degl’attacchi di Donkey Kong (chiedere a Mario per conferma).

Nel corso dei livelli molti amici accompagneranno le due scimmie in questa pericolosa aveventura, come Candy, Cranky e Funky Kong, la rana Winky , il rinoceronte Ramby, lo struzzo Espresso e il pesce spada Enguarde, ognuno con una sua abilità speciale.

 

In conclusione il poter rigiocare Donkey Kong Country è un bel ritorno al passato per chi aveva uno SNES a quei tempi, ma anche un modo per far conscere un titolo che meritava di più ad altri videogiocatori. La speranza è quella che mantenga tutte le sue caratteristiche che lo hanno contraddistinto in quei tempi, la grafica all’avanguardia ed il suo essere maledettamente difficile da costringerti a ripetere un livello più e più volte, fino a farti posare il gamepad per terra.

Che la caccia alle banane inizio!

FONTE

Lascia un commento