Recensione: Soviet City

Sharing is caring!

Breve introduzione:

Soviet City è un gioco appartenente al genere dei gestionali, il quale cerca (riuscendoci) di parodiare il famosissimo Simcity e anche la società russa degli anni d’oro del comunismo.

Se in Simcity molti giocatori si divertivano ad uccidere i propri sims per poi ritornare al salvataggio precedente come nulla fosse accaduto ora con Soviet City si è obbligati a far manbassa di cadaveri per poter portare avanti la città. ebbene si per andare avanti in questo gioco dovremo uccidere un gran numero di abitanti perchè ?

La risposta è molto semplice tutti i cadaveri verranno trasformati in cibo o carbone e (come se non fosse abbastanza) potremo piazzare la nostra città vicino a delle scorie radioattive così da poter velocizzare il processo di morte .

Trama e grafica:

La trama di soviet city è veramente semplicissima tutte le ricchezze che andremo ad accumulare nel tempo serviranno per finanziare una missione sul sole, probabilmente per ottenere energia infinita.

Le ambientazioni sono molto particolari, belle e affascinanti perchè ricordano un ambiente post apocalittico, desolato, che ricorda molto il suolo di Marte che, forse non a caso , viene chiamato pianeta rosso

Lo stile grafico è impressionantemente impattante alla vista perchè molto minimalista ma con colori e contrasti ben studiati (ecco le immagini)

 

Il sonoro di Soviet City può non piacere perchè ha delle canzoni inizialmente molto disturbanti ma che poi andando avanti diventano molto piacevoli, quasi ipnotiche.

Gameplay:

Ma come funziona Soviet City?

Come ogni altro gestionale che si rispetti Soviet City ha moltissimi grafici da seguire e da analizzare però il più importante tra tutti è quello dei punti terrore ovvero quanto i cittadini hanno paura . la barra del terrore dovrà rimanere sempre alta ma ne troppo ne troppo poco perchè in tutti e due i casi questo porterebbe a  delle rivolte popolari. Per regolare i punti terrore vengono utilizzate principalmente due cose. La prima è la televisione che potrà trasmette  (ovviamente a nostro piacimento) sia ideali di felicità e abbondanza (i quali serviranno ad abbassare la barra) ma anche ideali di terrore e paura che serviranno per aumentare la barra. Indispensabili per aumentare i punti terrore sono anche i preti che trasformeranno i cadaveri in un progressivo aumento della barra del terrore NOTA BENE : senza l’utilizzo dei preti sarà impossibile andare avanti nelle sezioni più avanzate del gioco.

La difficoltà di Soviet City si basa su una scelta di gameplay molto particolare ovvero l’utilizzo in una forma parodistica degli storici piani quinquennali

Ma come funziona?

I piani quinquennali sono l’obbiettivo di soldi ed energia che noi dovremo accumulare ogni tot di tempo quindi ,come è intuibile , più andremo avanti nel gioco più i piani saranno difficili da raggiungere e quindi sarà sempre più semplice fare game over.

Come è logico per poter superare i piani quinquennali dovremo commerciare infatti nel gioco è possibile vendere merci come legna o pellicce o documenti falsi ma la cosa più rara di tutte sono le persone infatti per guadagnare moltissimi soldi in Soviet City basterà commerciare molti schiavi che ovviamente prenderemo dal nostro popolo.

Difetti del gioco :

Soviet City è ancora un accesso anticipato quindi è normale che non sia perfetto però è veramente strapieno di bug e difetti grafici in più non esiste una versione italiana perchè le uniche lingue in cui è stato tradotto sono l’inglese e il russo quindi il prodotto è assolutamente sconsigliato a tutti coloro che non conoscono la lingua.

L’unico vero difetto di gameplay è il fatto che il gioco non offra un minimo di aiuto al giocatore per quanto riguarda la raccolta dei prodotti e delle merci che andremo a creare durante le nostre fasi di gioco questo porterà il possibile consumatore a dover fare tutto da solo .

Il difetto generale più grande è l’assenza di un tutorial che guidi passo a passo in ogni sfaccettatura del gioco perchè i gestionali devono avere un tutorial ben fatto proprio per far capire a chi gioca tutto al meglio …  in Soviet City dopo il tutorial si viene  a conoscenza solo del 30% del titolo.

Impressioni finali:

Soviet City non è di certo un gioco adatto a tutti perchè è veramente molto complesso e a tratti anche frustrante per un videogiocatore che si butta per la prima volta in questo genere di gioco.  però per un appassionato può essere molto divertente a patto che tale persona abbia un minimo di ironia nel proprio corpo!

 

Lascia un commento