The Walking Dead: Michonne – Give No Shelter – Recensione

Dopo aver ripreso in mano Minecraft: Story Mode con il quinto episodio, Telltale Games ha rilasciato a inizio mese Give No Shelter, secondo episodio di The Walking Dead: Michonne, miniserie suddivisa in tre parti: In Too Deep, la prima rilasciata, ci aveva convinti abbastanza a somme fatte grazie, soprattutto, a una sequenza iniziale davvero d’impatto e a una protagonista, Michonne, più che promettente a livello di caratterizzazione (soprattutto visto l’incipit iniziale).
Give No Shelter è il cosiddetto “giro di boa” della serie, sarà stato in grado di far appassionare maggiormente i giocatori nonostante si tratti di una storia piuttosto breve?

Le poche azioni della fuga

Riprendiamo subito dopo la fine del primo episodio, dopo aver effettuato una scelta importante (probabilmente l’unica di rilievo in tutto In Too Deep): Michonne, Pete e Sam si ritrovano a fuggire, perennemente braccati dai temibili Randall e Norma, i quali sono disposti a tutto pur di toglierli di mezzo. Sam propone di cercare rifugio a casa del padre in quanto unica soluzione possibile in quella situazione, ma l’andamento delle vicende risveglia in Michonne i demoni che deve ancora affrontare nella sua testa…
Il grande problema di The Walking Dead: Michonne è il grande senso di déjà-vu che permea ogni scena dall’inizio alla fine di questo secondo episodio: per tutto il tempo non troviamo nulla di esaltante o di inaspettato che ci spinga a continuare e spesso e volentieri ci ritroveremo piuttosto annoiati anche per la penuria di scelte da compiere (di cui solo una veramente rilevante per lo svolgimento) e di Quick Time Event da completare. Non possiamo, però, negare la bontà della sceneggiatura, che è comunque ben scritta, ma rende The Walking Dead: Michonne un prodotto adatto esclusivamente ai fan della serie televisiva e/o delle avventure Telltale Games ambientate nello stesso universo narrativo.

I tanti caricamenti della fuga 

Da un punto di vista tecnico non ci sono molti appunti da fare diversi da quelli visti nel primo episodio: il doppiaggio ancora una volta risulta di ottima fattura, e lo stesso vale per la direzione artistica; parlando da un lato meramente tecnico restano i limiti imposti dall’engine, ovvero qualche calo di frame rate durante le sezioni più concitate, ma che sono minori rispetto a In Too Deep in quanto Give No Shelter è un episodio piuttosto lineare e molto meno incentrato sull’azione. Durante la prova abbiamo, però, notato molti più caricamenti rispetto al solito e, visto anche il ritmo piuttosto lento dell’episodio, la cosa può risultare leggermente stancante.

Verso il finale 

The Walking Dead: Michonne non è stato in grado di stupirci con Give No Shelter, ma non ha nemmeno peggiorato la situazione: è un titolo senza ombra di dubbio adatto ai fan del franchise ma che, per come stanno le cose adesso, non sento di consigliare a chi, invece, non segue più di tanto la serie televisiva.
Non ci resta che aspettare il rilascio del terzo, e ultimo, episodio per tirare le somme su questo piccolo progetto targato Telltale Games, e non escludendo eventuali sorprese

Fonte

Chi è l'autore: danilo
Ceo Yessgame, da oltre 30 anni gioco e penso che trasmettere la passione del gioco con un sito sia il miglior modo !!

Partecipa!

Get Connected!

Come and join our community. Expand your network and get to know new people!

Commenti

Ancora nessun commento