Shenmue 3 - La recensione 1 Listen to this article

Dopo 18 anni, il seguito di Shenmue 2 è finalmente tra noi. Ne sarà valsa la pena aspettare così tanto?

Venite a scoprirlo nella nostra recensione!

Recensire Shenmue 3 non è stata affatto un’impresa semplice. Per me che sono un ragazzo di 19 anni, il franchise in questione lo avevo solo sentito nominare e mai giocato. E’ stata una sfida assolutamente divertente e ho riscoperto una saga che se approfondita con cura con i precedenti giochi, fa innamorare per la sua complessità e per l’amore riposto dal suo creatore, Yu Suzuki, che appare incondizionato.

Non avendo mai giocato i precedenti capitoli, Shenmue 3 mi si è presentato come un’IP sconosciuta ma assolutamente accattivante.

Devo riconoscere però che non è apparsa a tutti così, anzi, facendo un piccolo sondaggio tra le conoscenze di età simile alla mia, ho capito che l’opera di Suzuki non desta alcun interesse. Ed è un vero peccato. Anche se, giocandolo, mi son reso conto che Shenmue è assolutamente lo stesso gioco di 18 anni fa; nelle meccaniche, nel gameplay e nella struttura vera e propria del gioco.

Ma andiamo con ordine.

Il popolo di videogiocatori si è sicuramente evoluto, nel bene e nel male. Ad oggi molte IP gloriose del passato sono state abbandonate in seguito a carenza di nuove idee oppure a seguito di capitoli non esaltanti. Oltretutto, SEGA è uscita dal panorama console e i videogiochi attuali hanno livelli di profondità ancora più marcati rispetto al passato sul piano grafico e della trama.

Permangono alcune eccezioni, ad esempio Fortnite e compagnia bella.

Di quest’evoluzione Shenmue 3 se ne frega altamente. E’ come se fossimo ancora nei primi anni 2000 e il gioco fosse uscito di nuovo su Dreamcast. E lo si nota fin dal primo avvio!

GIOCATO SU: Shenmue 3 - La recensione 2

 

TRAMA

La trama di Shenmue 3 riprende da dove si era interrotta col 2, quindi ci troviamo ad un seguito diretto fortemente collegato con il capitolo precedente. Per fortuna c’è la possibilità, per chi non aveva mai giocato ai Shenmue, di visualizzare un filmato riassuntivo che ci fa capire cosa sia successo nei giochi precedenti.

Ambientato nel Giappone del 1987,in questo capitolo troviamo Ryo e Shenhua alle prese con un nuovo problema : la sparizione del padre di lei. Così entrambi si mettono alla ricerca di informazioni per capire che fine abbia fatto ( e se sia ancora vivo). Ci troviamo inizialmente nel villaggio di Bailu e successivamente(dopo tanta fatica) ci si potrà spostare verso altri villaggi come ad esempio Choubu e Baisha.

In linea con quanto visto nei capitoli precedenti, per raccogliere informazioni dovremo chiederle ai passanti, andando così a tessere una maglia più complessa di quella che ci si possa aspettare. Questa caratteristica emerge sopratutto nel momento in cui ci saranno collegamenti diretti con i capitoli precedenti. Senza voler spoilerare troppo, posso dire che i fan della serie apprezzeranno tantissimo alcuni momenti in cui appariranno personaggi storici della serie,segno che Shenmue 3 è più che vicino ai giochi precedenti.

In linea generale, la trama è davvero coinvolgente e vi spronerà a portare a termine l’avventura, anche se rallentata da un gameplay troppo stantio e “vecchio”. Per quanto riguarda il finale, come ben sapete il 3 non concluderà la serie come dichiarato dallo stesso Suzuki, dato che vuole creare altri capitoli.

Sono rimasto fortemente colpito dalla storia e mi sono affezionato subito ai personaggi riuscendo ad empatizzare con loro, segno che sotto questo punto di vista il gioco riesce alla grande.

 

Shenmue 3

 

GRAFICA

Graficamente Shenmue 3 non fa gridare assolutamente al miracolo, anzi. Se fosse uscito su console di scorsa generazione probabilmente sarebbe stato considerato accettabile ma..qui siamo a malapena sulla sufficienza. Per quanto alcuni scorci regalati dai bellissimi villaggi che visiteremo possano meravigliare (specialmente durante le prime ore),ci si rende conto di star giocando ad un titolo graficamente indietro sotto tanti punti di vista.

Molte texture non sono definite al meglio, la caratterizzazione fisica dei personaggi lascia a desiderare, specialmente il volto (tranne qualche rara eccezione) e le animazioni sono un tantino legnose, anche durante i combattimenti. Restano però ben realizzati i paesaggi che regalano davvero delle viste mozzafiato.

Shenmue 3

 

Shenmue 3

GAMEPLAY

Il gameplay è uno dei punti riconoscibili del franchise, sotto tutti i punti di vista. E’ uno stile di gioco molto old school, infatti conserva in maniera molto “testarda” il gameplay dei precedenti capitoli nonostante oggi i videogiocatori siano abituati a vedere qualcosa di più evoluto.

Qui invece no, la direzione presa dal gioco in questi termini è chiara : un seguito diretto che riprenda in tutto e per tutto le meccaniche dei giochi precedenti, anche se sono passati 18 anni. Abbiamo il classico sistema di PS (punti salute) che verranno ricaricati ogni giorno quando andremo a dormire e si consumeranno col passare della giornata, specialmente nel corso di quelle movimentate dove saremo costretti a fare su e giù da un luogo come dei robot.

Perché in Shenmue è così: ti devi adattare. Non c’è una mappa che ti indica dove andare, c’è solo una minimappa sul lato sinistro in basso che ti indica dove sei in quel momento. Tutto il resto, devi trovarlo da solo; ad esempio per trovare una persona x o luogo y dovremo andare in varie parti dei villaggi a chiedere informazioni ai passanti per capire in che direzione andare. Spesso poi, alcuni luoghi e persone saranno “disponibili” solo in alcuni orari del giorno, costringendoci a svolgere attività aspettando che il tempo passi.

C’è anche poi la questione kung fu, una delle più spinose del gioco.

Dovrete allenarvi duramente potenziando mosse e resistenza per sconfiggere i “brutti ceffi” che vi si pareranno davanti. Praticamente, se volete essere sicuri, vi dovrete allenare quasi ogni giorno altrimenti rischierete di essere battuti dal più stupido dei combattenti.

Non aspettatevi assolutamente di avere tanti soldi e di poterli spendere solo in ciò che piace a voi. La maggior parte dei soldi dovrete guadagnarvela tagliando la legna,consegnando alcuni tipi di erbe oppure svolgendo altre mansioni che troverete proseguendo nel vostro cammino. Devo ammettere che,nonostante ci sia una ripetitività di fondo, è un’esperienza assolutamente divertente e coinvolgente, che vi sprona ad andare avanti per scoprire più dettagli sull’intricata vicenda del padre di Shenhua. Personalmente, tralasciando un pò di momenti di frustrazione, è un gameplay godibile che però non è assolutamente per tutti.

Infatti queste meccaniche richiamano molto i primi due giochi, quindi è una sorta di “richiamo” per i fan più appassionati che molto probabilmente non piacerà ai novizi della saga.

Shenmue 3

 

Shenmue 3

 

SONORO

La colonna di Shenmue 3 è piuttosto varia e riconoscibile, con brani orecchiabili dai tratti (giustamente) orientaleggianti. Personalmente ho trovato la selezione delle musiche molto curata e pensata per adattarsi ai vari momenti del gameplay ( esplorazione,combattimento) al meglio. Probabilmente uno dei punti di forza è proprio la colonna sonora!

Per quanto riguarda il doppiaggio,invece, non si può dire che sia brillante nell’interpretazione, visto che (almeno quello inglese) non pare curato,anzi è privo di enfasi (tranne in alcuni momenti) per cui è un peccato che non sia stato investito del tempo per migliorarlo e per donare la giusta carica ad un titolo che non è certamente l’ultimo arrivato.

IN CONCLUSIONE

Shenmue 3 è un’opera ambiziosa per la trama e i suoi elementi caratteristici, che puntano a far sentire a casa i vecchi fan della serie, ma allo stesso tempo coinvolgono scarsamente i “novellini”.

Si nota sicuramente una testardaggine nel voler rimanere fortemente ancorato alla struttura e al gameplay dei giochi precedenti, rallentando di molto il prosieguo dell’avventura arrivando alla noia in alcuni momenti. Graficamente non all’altezza dei giochi degli ultimi anni, anche se alcuni elementi paiono davvero curati.

Shenmue è un’opera particolare,che necessita di tempo per essere capita e una volta entrati in sintonia con i personaggi, non vedrete l’ora di capire come andrà a finire la storia.

 

Shenmue 3

7.3

Gameplay

6.5/10

Grafica

6.3/10

Trama

8.3/10

Audio

8.0/10

Pro

  • Trama coinvolgente
  • Colonna sonora originale
  • Alcune ambientazioni lasciano senza fiato
  • Buona caratterizzazione personaggi

Contro

  • Doppiaggio mediocre
  • Graficamente indietro
  • Non c'è alcuna novità di rilievo
Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.