Darksiders Genesis, la nostra recensione 1 Listen to this article

Darksiders Genesis, dona ai giocatori un assaggio sull’universo di DARKSIDERS prima degli eventi del gioco originale, introducendo inoltre il Cavaliere CONFLITTO.

Darksiders Genesis (ri)nasce dalle ceneri della gloriosa Vigil Games grazie alla casa software Airship Syndacate, e lo fa in maniera impeccabile. Dopo le difficoltà passate da THQ, il publisher della serie andato in fallimento nei scorsi anni, trova finalmente uno spiraglio grazie all’acquisizione da parte della Nordic Games, divenendo appunto la THQ Nordic. Darksiders Genesis è un low budget prequel che spiega gli eventi antecedenti ai capitoli della saga, riprendendo personaggi storici e introducendo di nuovi.

Trattasi di un Action RPG Hack and slash dalla visuale isometrica in perfetto stile Diablo, La versione recensita è su Pc. Il titolo è disponibile anche su Google Stadia.

 

 

La Storia

Dall’alba della creazione, l’Arso Consiglio ha mantenuto l’equilibrio tramite i Quattro Cavalieri dell’Apocalisse, Nephilim (potenti esseri generati dall’unione innaturale di angeli e demoni). Tuttavia, questo potere ebbe un costo tragico: ai Cavalieri fu ordinato di usare la loro nuova forza per spazzare via il resto del loro genere. Ciò che seguì fu una sanguinosa battaglia sull’Eden in cui i Cavalieri, obbedendo alla volontà del Concilio, annientarono i Nephilim.

Ancora in preda agli eventi su Eden, Guerra e Conflitto hanno ricevuto un nuovo incarico: Lucifero, l’enigmatico e ingannevole re dei demoni, ha pianificato di sconvolgere l’Equilibrio concedendo potere ai padroni dei demoni in tutto l’inferno. Guerra e Conflitto danno la caccia a questi padroni, raccogliendo informazioni per mettere fine alla cospirazione demoniaca che minaccia di sconvolgere per sempre l’Equilibrio e disfare tutta la creazione.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 2

 

Come anticipato poco fa, Darksiders Genesis narra degli eventi antecedenti il primo Darksiders. Infatti vengono illustrate le vicissitudini di Guerra e Conflitto per smascherare i diabolici piani di Lucifero. Durante il corso della storia saranno molte “le facce conosciute” che incontrremo: dall’alleanza di convenienza con il vecchio Samael, passando per Vulgrim, fino ad arrivare a Abaddon e molti altri. Sotto le direttive delll’Arso Consiglio, viaggeremo tra i Varchi Serpentini a caccia di informazioni e abbattendo orde di nemici che ci ostacoleranno il cammino.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 3

 

Aspetti del gioco.

La campagna di gioco dura circa 15 ore divise in 16 capitoli, dove saremo coinvolti in dinamiche piuttosto ripetitive: recuperare un oggetto che ci viene richiesto da Samael o Vulgrim per procedere nella storia, portarlo alla base, uccidere un boss, e così via. Tra un recupero e l’altro, ovviamente tantissimi nemici da massacrare, e qualche enigma risolvibile in pochi minuti legato alle abilità dei due cavalieri. Quindi rimane tutto abbastanza piatto. Alcuni fattori che portano brio nel gameplay e nelle varie fasi di gioco sono la modalità Arena in cui dovremo affrontare centinaia di nemici con premi a fine orda, ed il nuovo personaggio Conflitto, ironico e divertente che rende il quartetto decisamente più solare (per quanto sia possibile) e simpatico. Quindi la longevità del titolo cresce grazie alla modalità Arena ed il gameplay si arricchisce grazie alle abilità dei due cavalieri.

Tra un capitolo e l’altro, ci troveremo proiettati nel Vuoto, una dimensione parallela dove potremo parlare con Samael, comprare oggetti, abilità e potenziamenti dal buon vecchio Vulgrim e Dis.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 4

Grafica e gameplay.

Personalmente ho trovato ben bilanciati il design dei livelli e la complessità grafica. Un mix vincente che ha reso gustoso ogni singolo minuto trascorso davanti il monitor. Il concept dei personaggi magistralmente ideato dal maestro Joe Madureira, illustratore indiscusso della serie e creatore del fumetto/videogioco Battle Chasers, rapisce con i suoi meravigliosi cut-scene durante un capitolo e l’altro. Le animazioni dei personaggi sono fluide, interessanti e ben realizzati come le animazioni di esecuzione premendo il tasto B quando il nemico è debole.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 5

 

Insomma un grande lavoro quello dei personaggi, ed altrettanto quello dell’enviroment, la scelta dei colori, i particellari, gli effetti grafici fluidi e sapientemente concepiti il tutto condito con effetti sonori epici e colonna sonora stupenda. Vi divertirete moltissimo a scannare mostri di ogni sorta a colpi di spadone e proiettili!

Decisamente interessante anche l’aspetto evolutivo dei personaggi. Buona parte delle abilità si acquisiscono nel corso della storia, affrontando boss e cercando nei bauli di ogni livello. Possiamo trovare potenziamenti sia per quanto riguarda la spada di Guerra, si proiettili per la pistola di Conflitto, che si differenziano per elemento e tipologia di attacco.

Mentre per quanto riguarda i potenziamenti, abbiamo a disposizione un sistema chiamato Nuclei di Creature. Sconfiggendo boss e nemici, in maniera casuale vengono rilasciati dei nuclei. Questi nuclei servono a completare una mappa che andrà ad aumentare i nostri punti Attacco, Collera e Salute. Più nuclei raccogliamo dai nemici, e più sale il livello dei nuclei sprigionando punteggi sempre più alti.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 6

 

Per quanto riguarda invece gli aspetti negativi del titolo, abbiamo pochi fattori ma purtroppo abbastanza fastidiosi. Il primo ad essere elencato è sicuramente il sistema di telecamere. A volte la visuale isometrica non aiuta moltissimo, dato che  il personaggio in qualche caso viene coperto da oggetti scenografici e risulta complesso avere il quadro della situazione.
Altra nota dolente è la storia, affascinante perché è Darksiders, ma questo capitolo purtroppo racconta tutto in maniera vaga e confusionaria, soprattutto il finale che sembra frettoloso e sbrigativo (nemmeno avevo capito di aver finito il gioco), quasi troncato. Infine qualche bug di troppo, ad esempio non viene segnalato il tasto B per fare la mossa esecutiva, oppure il personaggio si incastra nello scenario, in particolar modo quando si è a cavallo. Tolta qualche compenetrazione di troppo e quanto elencato sopra, il motore grafico regge in maniera impeccabile tutto quello che si trova sullo schermo.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 7

 

Conclusioni.

Secondo me siamo davanti ad un titolo ben riuscito nonostante il low budget a disposizione degli sviluppatori. Un gioco fresco, che ti fa venire voglia di completarlo al 100%, bello da vedere e da giocare. Con qualche piccola correzione come la gestione della telecamera, l’eliminazione di fastidiosi bug evitabili, il titolo non ha niente da invidiare ad un collega dalla tripla A. Mi aspetto un secondo capitolo conclusivo in questo stile con tutti e quattro i Cavalieri dell’Apocalisse uniti nella battaglia finale! Insomma lo consiglio sia per gli amanti della saga, sia per chi segue il genere Action RPG Hack and slash dalla visuale isometrica.

 

Darksiders Genesis, la nostra recensione 8

 

Per maggiori informazioni sul gioco, visita il sito ufficiale.

Darksiders Genesis

€ 29,99
8.1

Gameplay

8.5/10

Grafica

8.1/10

Audio

8.2/10

Longevità

7.7/10

Pro

  • Frenetico e distruttivo
  • Gameplay divertente
  • Concept di Joe Madureira!

Contro

  • Gestione telecamere migliorabile
  • Qualche bug di troppo
  • Finale da rivedere
Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.