Nintendo

Retrogaming: Nintendo non ti sembra di esagerare?

Retrogaming, una parola bella, fin quando un’azienda videoludica non tenta di lucrare cosi tanto coi ricordi.

Partiamo col dire che il mio è un parere personale e non va preso come la “Parola di Dio”, ma solo come un punto da dove partire per svolgere più punti su quello che sta accadendo nel mondo del retrogaming. E questa volta, nonostante la mia passione per questa casa videoludica, Nintendo ce l’ho con te!

Sai perché? Perché sei stata furba, ti sei “innovata” per l’ennesima volta. Un ritorno al futuro in grande stile. 

All’annuncio del NES Mini ero euforico e come me tanti altri, che bello poter rigiocare alle vecchie glorie del passato, quelle che per via della mia giovane età non ho potuto giocare. I primi Zelda, da dove tutto ebbe inizio, Super Mario Bros e tanti altri. Preso al Day One per effetto nostalgia, spolpato fino alla fine, conservato come cimelio di guerra, impeccabile, pulito, mai più utilizzabile.

Ci sta voler riportare alla gloria titoli passati per poter avvicinare la nuova generazione agli 8bit, ma poi hai deciso di strafare. Dopo poco tempo hai cacciato fuori lo SNES Mini, apriti cielo.

Fiumi e fiumi di preorder da parte di utenti per paura di rimanere con le mani vuote come successo con il NES Mini, perché tu ne hai prodotti pochi e molti se ne sono approfittati per prenderne una ammucchiata e rivenderli su Ebay a prezzi esorbitanti.

Ma devo darti atto che anche con lo SNES Mini hai fatto il boom di vendite, effetto nostalgia, effetto retrogaming centrato per la seconda volta. Anche li i migliori giochi che lo SNES aveva, i tanti ricordi passati con gli amici a casa a giocare da bambini, ma non l’ho comprato e ti dirò il perché.

Perché Nintendo, capiamoci, questo è lucro sui ricordi, sugli affetti, sulla passione, sulle amicizie rovinate a Mario Kart, per le emozioni provate con Zelda, per i pugni tirati agli Street Fighter, questo è scorretto nei confronti di noi utenti in primis. 

Infondo avete creato una console come la Switch che è bella e, dai tempi della Wii, ha portato di nuovo tanti utenti a credere in voi. Credo che non c’era bisogno di creare una collezione “Mini” per il retrogaming, ma sarebbe bastato la virtual console sulla Switch, con giochi in regalo, o almeno con prezzi decenti. Sony e Microsoft hanno reso compatibili le loro console con i giochi delle console passate ed il tutto GRATIS (per chi possiede una collezione di giochi passati), o almeno i giochi non costano 20 euro come può accadere per un gioco del GameCube,  uscito 15 anni fa! 

Dopo i rumor su un possibile GameBoy Mini, non riesco ancora a capire il perché crearlo, quando si ha a disposizione la famiglia 3DS e 2DS da poter sfruttare per aggiungere qualche gioco retrò sullo Shop della console!

Infondo basterebbe poco per soddisfare gli utenti che credono in voi case videoludiche. Infondo Nintendo facciamola questa Virtual Console e per una volta fai uno sforzo, abbassa i prezzi dei tuoi giochi come è giusto che sia.

L’idea era bella, ma non cosi tanto alla fine. 

Mi dispiace Nintendo questa volta stai esagerando con i ricordi dei retrogaming.

 

 

Chi è l'autore: Aleiix
Amante dei videogiochi e degli eSport. Amo i giochi competitivi, infatti possibile che mi troverete nei vari CoD, Fortnite, LoL, PUBG, Onmyoji Arena a flammare 🖤👻

Partecipa!

Get Connected!

Come and join our community. Expand your network and get to know new people!

Commenti

Ancora nessun commento