Yessgame

Dove Giocare è una cosa seria

Shadow of the Tomb Raider
NEWS PC PLAYSTATION 4 SHADOW OF THE TOMB RAIDER XBOX ONE

-IMPRESSIONI- Shadow of the Tomb Raider

Sharing is caring!

Manca davvero poco all’arrivo sulle nostre console di Shadow of the Tomb Raider, la nuova avventura di Lara Croft che servirà per chiudere questa trilogia sviluppata da Crystal Dynamics e Eidos Montreal che ci ha mostrato l’inizio di Lara Croft  e quello che l’ha fatta diventare ore, la saccheggiatrice di tombe più famosa al mondo.

Sarà un’avventura nella quale le ombre accerchieranno la protagonista, che si vedrà assaltata non solo dai suoi nemici, ma anche dai dilemmi morali che vivono in lei, i quali la porteranno a chiedersi cosa sta diventando. A noi, ci aspetterà l’arduo compito di accompagnare Lara in quest’ultima e pericolosa avventura, così, che anche noi, potremmo finalmente scoprire chi è la vera Lara Croft.

 

L’apocalisse Maya

Una cosa è certa. queste ombre non oscureranno un gioco di azione ed avventura che, per quello che abbiamo avuto modo di vedere all’E3 2018, sarà superiore ai suoi predecessori per molti aspetti.

La demo ci trasporta in una popolzione messicana e da lì passiamo ad altre località come la gingla e una caverna con motivi maya, per andare poi in ambientazioni subacquee. L’acqua avrà un ruolo importante negli scenari di questa terza avventura, infatti, le fasi basate su questo elemeto saranno molto frequenti. Incluso nel finale della demo, dove abbiamo avuto modo di vedere un tsunami innondare la terra messicana. Come intuibile, conterrà molti più cambi di scenario rispetto a Rise of the Tomb Raider.

Questa varietà ci porterà ad affrontare le situazioni di azione e di furtività in maniera diversa contro un’intelligenza artificiale migliorata e ben più dura da fronteggiare. Di fatto, i combattimenti contro i nemici, che sia con fucile o con arco, saranno più difficili, e sarà un azzardo abbandonare la nostra copertura per lanciarci nel contatto fisico alla <<Ramboooo>>.

Lara avrà a disposizione nuovi metodi di movimento che la permetteranno di nascondersi tra la vegetazione, in modo da evitare qualsiasi contatto con nemici. Tutti questi trucchetti, si devono all’esperienze precedenti che Lara ha avuto, rendendola, dunque, un’assassina letale ed efficiente.

Importante far notare che il titolo, per quanto diverso, non abbandonerà alcune cose in comuni con Rise of the Tomb Raider, come l’opportunità di girovagare alla ricerca di oggetti da collezione nascosti, oppure la ricerca di materiali per migliorare le armi. Tutto ciò aiuterà nell’aumentare l’esperienza da utilizzare nel migliorare le abilità.

 

La bellezza di Tomb Raider

Graficamente, si nota il diverso salto di qualità tra Rise of the Tomb Raider e questo, che è molto superiore, ma c’è da dire che il primo lo abbiamo potuto sfruttare all’inizio di questa generazione di console. Menzione speciale alle animazioni facciali e al sistema di illuminazione. Questo sarà visibile anche nei scenari più scuri, come in certe parti acquatiche.

Gli sviluppatori hanno lavorato bene anche sulla fluidità del titolo, ma alcuni rallentamenti non mancheranno, ma siamo sicuri che il team di sviluppo lavorerà duramente per portare un’esperienza più che soddisfacente per concludere in bellezza questa trilogia.

Conclusioni

Riassumendo, ci ritroveremo davanti una continuazione della seconda avventura di Lara Croft. Il salto da Tomb Raider a Rise of the Tomb Raider è stato ben ampio, e non ci aspettiamo di meno dal terzo capitolo, anche se le differenze sono ben minori. Infatti, gli sviluppatori hanno pensato a potenziare una formula che tutto sommato ha funzionato bene. Shadow of the Tomb Raider si appresta ad essere la degna conclusione di questa trilogia, e noi non vediamo l’ora di giocare già il prossimo capitolo.

Ricordiamo che il titolo sarà disponibile dal 14 settembre per PlayStation 4, Xbox One e PC.

 

LEAVE A RESPONSE

Vai alla barra degli strumenti