Ecco i candidati all’Oscar del Videogioco

Sharing is caring!

La prima edizione dell’Italian Video Game Award, nuova nel nome ma non nella forma, è ormai dietro l’angolo. Prevista per il prossimo 14 marzo presso il Teatro Vetra a Milano, avrà un’atmosfera da vera e propria notte degli Oscar: il tappeto rosso, gli ospiti d’onore e l’iconica statuetta del Drago d’oro domineranno la scena.

L’Oscar del videogioco

 

Sul sito della manifestazione sono finalmente apparse le nomination per le varie categorie previste. Per il premio “Game of the Year” saranno in gara titoli del calibro di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Mario + Rabbids Kingdom Battle, Super Mario Odyssey, Nier: Automata, What Remains of Edith Finch, Wolfenstein II: The New Colossus, Assassin’s Creed: Origins, Horizon: Zero Dawn, Resident Evil 7 e Persona 5. Invece per quanto riguarda la nuova categoria “eSports Game of the Year” competeranno titoli quali League of Legends, Overwatch, Dota 2, Counterstrike: Global Offensive e Tom Clancy’s Rainbow Six Siege. Avremo poi anche il premio “Game Beyond Entertainment”, per il videogioco maggiormente in grado di coinvolgere ed emozionare il giocatore. In questa categoria sono candidati Hellblade, What Remains of Edith Finch, Last Day of June, Life is strange: Before the storm e Bury me, my Love.

Infine, per il made in Italy sono stati annunciati ben due premi. Per il primo, “Best Italian Game”, gareggeranno Don’t Make Love, Father.io, forma.8, Last Day of June e Mario + Rabbids Kingdom Battle. Per il secondo premio invece, “Best Italian Debut Game”, saranno in gara Downward, Father.io, GRIDD: Retroenhanced, Laika2.0 e The Wardrobe.

Dunque il 14 Marzo, dalle 19 sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming; nella serata saranno alla conduzione Rocco Tanica e Lucilla Agosti. Noi speriamo che sia l’occasione per ridare lustro a un mondo del videogioco che troppe volte è bersaglio di critiche ingiustificate. In una nuova forma che è quella dell’Oscar del videogioco. Il fatto che a guidare la giuria, composta tra l’altro da rappresentati delle massime testate giornalistiche italiane, sarà il giornalista del Corriere della Sera Federico Cella, non può che rassicurarci su questo.

E voi per quali titoli fate il tifo? Fatecelo sapere nei commenti.

 

Fonte.

 

Lascia un commento