Dark Souls 3 guida 10 consigli su come cominciare al meglio (no spoiler)

Sharing is caring!

E’ da un bel po’ che aspettiamo il titolo di Fromsoftware e iniziare un avventura con qualche consiglio non la vedo una cosa negativa . E quindi partiamo con qualche consiglio a parer mio utile . Se siete neofiti alle prime armi, Dark Souls 3 è sicuramente un ottimo gioco per cominciare.

Se siete amanti della saga sono consigli scontati .

È il capitolo più accessibile dei soulslike, secondo solo a Bloodborne, grazie al suo sistema di combattimento preciso e tanti strumenti nelle mani del giocatore. È anche più lineare dei precedenti, e il ritmo con cui verrete introdotti alla storia è misurato e pensato per darvi il tempo di assorbire tutte le novità.

Detto questo però non pensiate di avere davanti a voi una passeggiata, visto che si tratta di un Souls in tutto e per tutto. Se si tratta del vostro punto di partenza è probabile che vi ritroviate ad affrontare dei momenti piuttosto difficili, all’inizio non vi sarà chiaro che sta succedendo, e poi all’improvviso qualcosa farà clic e capirete l’amore di tanti appassionati.

Volete godervi al meglio questa avventura? Siete nel posto giusto: ecco i nostri 10 consigli per cominciare col piede giusto Dark Souls 3 (senza spoiler).

1)Cominciate da cavalieri

In Dark Souls 3 non ci sono delle build troppo restrittive, non c’è quella che fa solo da tank, o quella solo per il dps. Al contrario avrete sempre la possibilità di esplorare, anche se chiaramente la classe di partenza vi indirizza in una direzione per quanto riguarda lo stile di gioco.

Cominciare con un cavaliere è il modo migliore se siete alle prime armi: ha una bella spada e uno scudo che saranno perfetti per le prime 10 ore di gioco. Il cavaliere ha anche parecchi punti abilità in forza e vigore, che si traducono in un danno maggiore ai nemici e maggiore resistenza.

Anche la sua capacità di riempire per bene l’inventario vi sarà utile, insomma, è una classe equilibrata con probabilmente il miglior equipaggiamento di partenza tra tutte. Non solo, vi permette di godere della tipica esperienza Souls a base di spada e scudo.

2)Aumentate il Vigore prima di tutto

Sconfiggendo i nemici si ottengono anime, l’unica valuta del gioco, da utilizzare poi per livellare il personaggio, comprare oggetti e potenziare equipaggiamento. Non appena potete spendete dei punti per migliorare il vostro Vigore, visto che il potenziamento si tradurrà in un aumento dei punti vita.

Nelle prime fasi del gioco sarà più importante la resistenza rispetto alla forza bruta e alle altre caratteristiche.

Arrivate almeno a 17 o 18 punti in Vigore prima di guardare alle altre caratteristiche.

3)Una buona capriola è il segreto del successo

Capriole, capriole e ancora capriole come se ne dipendesse la salvezza del mondo. La maggior parte degli scudi che si trovano in giro non assorbono il 100% dei danni nemici, e soprattutto non tutte le build vi permettono di equipaggiarne uno.

Per ovviare a questo inconveniente ci sono le capriole, il vostro strumento migliore per risparmiare punti vita schivando gli attacchi. Occhio che a rotolare si utilizza la stamina che serve anche per gli attacchi e per le parate, tenete sempre sotto controllo questa risorsa.

Anche se potenziate la stamina con la costruzione del personaggio, la sua gestione rimarrà fondamentale.

4)Non preoccupatevi di sbagliare build

Capita, iniziate a giocare e siete convinti di avere trovato la caratteristica migliore da potenziare, ma dopo qualche ora vi rendete conto che non ve ne fate niente e vi prende lo sconforto. Niente tristezza amici, perché per fortuna verso la metà del gioco incontrerete un NPC in grado di farvi riallocare tutti i punti spesi.

La cosa bella è che potrete farlo più volte, ma non faremo spoiler sul chi è e come funzioni il meccanismo.

5)Non caricatevi oltre il 70%

Visto che stiamo parlando di build affrontiamo anche questo punto: cercate di non portare a spasso equipaggiamento che occupi più del 70% della vostra capacità. Potete controllare il peso dell’equipaggiamento dall’apposita schermata posizionando il cursore sull’oggetto in questione. Anche un mezzo punto percentuale fa la differenza quindi non fate finta di niente.

Ma perché insistiamo tanto? Perché sotto al 70% potrete fare le capriole veloci, mentre sopra sarete costretti a fare quelle lente e cicciotte. Non cambia solo la velocità della capriola, ma quelle più rapide hanno anche qualche frame di invulnerabilità a ridurre ancora di più il rischio di subire danni.

Se avete giocato anche solo un Souls già sapete dell’importanza delle capriole (come abbiamo detto qualche immagine fa), però è anche vero che ci sono build più resistenti che non ci puntano così tanto. Se state speccando un tankone potete pure decidere di darvi alle capriole lente, ma in ogni altro caso seguite la regola aurea del 70%.

6)Lasciate perdere le fazioni

In Dark Souls 3 c’è un sistema di fazioni: potete decidere di unirvi a loro, fare le missioni, e con la reputazione puntare a del loot particolare.

In alcuni casi è un procedimento semplice, ma la maggior parte delle volte non è così immediato e soprattutto dovrete darvi da fare anche nel PvP, invadendo o andando in soccorso di giocatori invasi.

Per unirvi a una fazione dovrete equipaggiare l’anello corrispondente, e questi anelli li troverete come loot, o dopo qualche chiacchiera, o in maniera più diretta parlando con membri della fazione.

Potete fare quello che volete, ma sappiate che potete ignorare il tutto senza paura di perdervi niente, mentre unirsi a una fazione può alterare notevolmente il gioco sotto il profilo narrativo.

Occhio che alcune fazioni vi buttano in un mondo di PvP e dolore, con invasioni continue e continui summon nelle partite degli altri a difesa dall’invasore. Se invece è quello che cercate non c’è problema ovviamente.

7)Controllate sempre casse e muri sospetti

I mimic sono OVUNQUE in Dark Souls 3. Sono mostri che a un primo sguardo sembrano casse normali, e poi quando vi avvicinate vi saltano addosso e menano duro.

Ogni volta che state per aprire una cassa dategli una bella spadata di sicurezza, alla peggio avrete dato qualche fendente al nulla. Il consiglio è anche di liberare la stanza prima di avvicinarsi alla cassa, perché ci manca pure di gettare un altro nemico nella mischia.

I muri magici invece non sono pericolosi, ma nascondono loot o scorciatoie. Anche in questo caso basta dare qualche spadata verso il muro sospetto per vederlo sparire.

Se giocate online magari trovate anche delle indicazioni degli altri giocatori, ma occhio che il trolling è sempre dietro l’angolo.

8)Mai affrontare un boss carichi di anime

Sconsigliamo vivamente di gettarvi contro un boss carichi di anime. Ma esattamente come si fa a sapere se le anime che stiamo portando sono troppe per girare in serenità?

Aprite la schermata con lo stato del personaggio e vedrete quante ne avete e quante ve ne servono per livellare. Se ne state portando a spasso abbastanza per fare un paio di livelli, il consiglio è di tornare all’Altare del Vincolo a spenderle.

Non solo le arene dei boss sono pericolose, ma anche le aree nuove possono tendervi qualche scherzetto. Liberandovi delle anime vi sentirete anche più liberi di giocare offensivamente.

9)Non affezionatevi alle anime e mettete in conto la morte

Ci vuol poco a farsi prendere dallo sconforto quando un nemico ci uccide e si perdono un sacco di anime, e a correre per cercare di recuperarle facendosi ammazzare un’altra volta.

Vi abbiamo appena detto di spendere le anime quando ne avete troppe, ma non stracciatevi le vesti se ne perdete un po’ perché fa tutto parte del gioco. Non si può evitarlo, semplicemente prima o poi succede anche se siete super cauti.

Il trucco? La rassegnazione zen. Dopo ogni morte tornerete in vita più forti e con una maggiore conoscenza dei nemici e dei livelli, certo, a patto di capire cosa vi ha ucciso. Ci sono giocatori che muoiono apposta per un paio di volte contro i boss, così da imparare bene i loro movimenti e tornare per la kill al giro dopo.

10) Giocatelo 2 volte se potete

Giocarlo un altra volta con una altro personaggio sposta le varie qualita’ del gioco con esperienze diverse anche nell’affrontare i boss

se volte una guida per uccidere i boss senza morire un miliardo di volte (che e’ la caratteristica del gioco) seguite la nostra guida

 

Lascia un commento