E3 Nintendo 2016

Nintendo Nx non verrà mostrato all’E3 2016.Nintendo non terrà alcuna conferenza all’E3 2016.Nemmeno sotto forma di Direct.Con tali premesse l’annuale fiera losangelina dedicata al mondo dei videogame sembrava assumere per i fan del colosso di Kyoto le fattezze di un disastro annunciato.Eppure cosi non è stato poichè, se a detta di Bandwatch The Legend of Zelda:Breath of the Wild è il titolo più nominato sui social network con quasi 120.000 citazioni tra hashtag e post di certo di disastro non risulta lecito parlare.
E allora, probabilmente, si inizia a comprendere quanto il preoccupante silenzio che circondava Nintendo prima dell’E3 fosse in realtà voluto.Non cronaca di un fallimento,dunque, ma brillante tassello di una strategia comunicativa creativa, geniale e, in sostanza, vincente.

Vincente, si, cosi come l’idea sopraggiunta in quel di Kyoto circa tre anni fa quando si pensò di rendere visibile mediante streaming ciò che generalmente viene a loro recluso dell’E3, il dietro le quinte,cioè ciò che accade al momento della prova della verità pad alla mano, più precisamente quando i giornalisti del settore provano le demo dei giochi esibiti nello showfloor lontani dalle luci dei riflettori e dagli annunci roboanti destinati a consumistiche conferenze “mordi e fuggi” dove, infondo, nel lasso di tempo striminzito di un ora a nessun titolo sembra essere dedicata la giusta attenzione.

A tutto questo mette una pezza il Nintendo Treehouse che è, forse, il vero colpo di genio di Nintendo: una lungh(issima) conferenza live-streaming in cui le demo dei titoli esibiti vengono sviscerate nel corso di una divertentissima sessione Q&A con gli sviluppatori.

Probabilmente meno appariscente di sbalorditivi proclami veicolati da fumosi quanto accattivanti trailer ma indubbiamente più sostanziosa e concreta.

E, se di concretezza, si parla, di certo non si può non fare riferimento alla sostanziosa offerta del Treehouse di quest’anno, principalmente incentrato su titoli previsti per WiiU e 3DS nel prossimo futuro.Per quello di remoto, di futuro, insomma, c’è tempo.

La Treehouse 2016 di Nintendo apre le danze con un lungo reportage sullo stato di salute di una delle serie Nintendo più longeve di sempre.Pokemon Sole e Pokemon Luna si mostrano in ottima forma.Dai numerosi spezzoni gameplay presentati nel corso del Treehouse assieme alla squisita alla formula di gioco-ormai rodata-della serie, emergono alcune cospicue novità.In primis, l’ambientazione:l’atollo tropicale di Alola lascia intravedere la sua potenza evocativa tra tramonti belli da mozzare il fiato e piccole vicissitudini delle popolazioni autoctone.

La demo termina proprio nel corso di un festival annuale tenuto di alcuni nativi, festival ovviamente, la cui partecipazione è riservata ad allenatori Pokemon.Sul fronte gameplay si segnala l’introduzione di una nuova modalità multiplayer la Battle Royal che prevede lo scontro di quattro allenatori in simultanea.

Nel corso della Battle Royal ciascun allenatore sceglie tre pokemon da mandare in campo.La battaglia termina quando i pokemon di un allenatore sono messi tutti K.O. Al termine della Battle Royal vince l’allenatore che è riuscito a mandare il maggiore numero di pokemon al tappeto.Indubbiamente la Battle Royal costituisce già da ora una delle modalità più interessanti della nuova incarnazione del franchise promettendo di regalare ore e ore di divertimento sopratutto nei raduni della poke-community.Pokemon Sole e Pokemon Luna saranno disponibili per 3DS il 23 Novembre 2016.

Giunge poi il momento più atteso per i Nintendo fan ( e probabilmente anche per buona parte dei videogamers in generale).Viene finalmente svelato l’attesissimo The Legend of Zelda: Breath of The Wild.

Le novità introdotte da questo nuovo episodio delle avventure di Link e soci non si contano sulla punta delle dita, ne citiamo alcune: interattività ambientale, mondo open world, nuove interazioni concesse a Link ( come, ad esempio quella di scalare) rendono il nuovo capitolo della serie Zelda una delle pietanze più succulente dell’E3.

Vengono sviscerate due demo che rappresentano differenti fasi del gioco: la prima ci permetterà di dare un occhiata alla zona iniziale, il Great Plateau.Link si risveglia in una sorta di futuristico tempo,e, una volta uscito da esso si ritrova in una rigogliosa e lussureggiante prateria.

La prima demo lascia intravedere principalmente la svolta Open World della saga.Deriva open world che si distingue per ben più di una strizzata d’occhio al mondo dei giochi di ruolo occidentali.
Le armi lasciate dai nemici sconfitti si possono equipaggiare ed utilizzare,queste hanno i loro tempi di usura, è possibile equipaggiare Link con abiti diversi ciascuno con le proprie peculiari caratteristiche ( in particolare nella demo veniva mostrato come in ambientazioni fredde come la cima di una montagna a causa del freddo Link sarà costretto ad indossare abiti più pesanti per non ghiacciare).Tutti elementi, insomma che sembrano segnare un punto di svolta per la saga.E che dire dello sconfinato senso di libertà che si respira sin dai primi minuti trascorsi ad esplorare questa nuova ma familiare Hyrule piena di dettagli e segreti tutti da cogliere per la gioia dei fan della serie?

Il secondo spezzone invece sembra concentrarsi sulla progressione dell’avventura: vengono svelati dei mini-templi disseminati qua e là in giro per Hyrule. Ognuno di questi risulta essere caratterizzato per delle peculiari dinamiche di puzzle solving, cosi ad esempio, in uno di questi dovremmo utilizzare dei peculiari tool per facilitarci la progressione.Vengono mostrati, in particolare, uno incentrato sulla risoluzione di enigmi legati all’utilizzo di bombe ( a proposito accanto alle classiche sferiche è stata introdotta una versione da muro stile C4 ) e un altro focalizzato sul peculiare utilizzo di una tavoletta che consente di attrarre oggetti metallici come se si trattasse di una gigantesca calamità.

Breath of The Wild sarà disponibile entro Marzo 2017 in duplice versione, per Nintendo WiiU e Nintendo NX.

Attendiamo fiduciosi altre novità in vista del Tokyo Games Show.

Solo Zelda e Pokemon dunque? Non proprio, pur essendo principalmente incentrato su queste due produzioni ( e ricordiamo che infondo, non sarebbe stato onesto togliere spazio ad un titolo come Breath Of The Wild) il Treehouse Nintendo è stato portatore di alcune gradite news.

Una fra queste riguarda l’annuncio della release di Dragon Quest VII per il mercato europeo.

16 Settembre 2016, amanti dei giochi di ruolo giapponesi segnatevi questa data sul calendario, dopo ben tredici anni di attesa, Dragon Quest VII:Frammenti di un mondo dimenticato arriva in Europa in esclusiva per Nintendo 3DS..

E che dire dell’annuncio della release di Paper Mario:Color Splash per WiiU?

L’uscita ufficiale è prevista per il 7 Ottobre 2016 in esclusiva WiiU.

Insomma, a dispetto dei proverbiali timori l’E3 Nintendo è stato più che convincente.Non solo il colosso di Kyoto è riuscita a fare il botto con il meraviglioso e ,sorprendente nuovo, The Legend of Zelda:Breath of The Wild ma ha anche dimostrato, a tutte le malelingue che predicavano l’opposto, di essere un’azienda che gode di ottima salute dal punto di vista creativo e comunicativo mettendo in atto uno strategia, in ultima istanza, vincente.

Non possiamo far altro che attendere quel che ci riserberà la stagione autunnale – sempre se non si esclude qualche succulenta sorpresa- con il sorriso sulle labbra.

Chi è l'autore: MARIO
Raccontaci qualcosa di te.

Partecipa!

Get Connected!

Come and join our community. Expand your network and get to know new people!

Commenti

Ancora nessun commento