Aspettando la next gen – Super Mario 3D World

Aspettando la next gen – Super Mario 3D World

9 Aprile 2020 0 Di Nightshadow
Super Mario 3D World,Aspettando la next gen, Aspettando la next gen – Super Mario 3D World Listen to this article

Analizziamo insieme,volta per volta, i videogiochi che hanno caratterizzato l’ottava generazione di console.

Leggi anche i precedenti episodi:

 

 

Wii U è certamente una delle console più sfortunate di casa Nintendo. Uscita nel 2012, incarnava la volontà della casa madre di uscire dal target di “produttrice di giochi per bambini” che le era stato accollato dal pubblico e iniziare a volgere lo sguardo nuovamente anche agli hardcore gamers. Purtroppo però, l’esperimento non è mai decollato facendo vendere in 5 anni solo 13 milioni di unità.

Tuttavia, ci ha lasciato dei videogiochi di ottima qualità e Super Mario 3D World è sicuramente tra questi. Analizziamolo insieme!

Uh guarda, c’è anche Peach!

I videogiochi della saga di Mario sono caratterizzati da una trama appena accennata che si ripete ciclicamente: Bowser, colmo di rabbia, rapisce Peach e la porta nel suo castello, costringendoci ogni volta a dover superare tante peripezie per riuscire a salvare l’adorata principessa.

Questa volta però, forse per dare uno spiraglio di varietà, non è Peach ad essere stata rapita! Durante il filmato di introduzione infatti, vedremo che il Regno delle Fate è stato attaccato da Bowser che ha prontamente intrappolato in alcune bottigliette le fatine impedendo loro di poterlo combattere. Così Mario, Luigi, i due Toad e Peach non esitano a correre a salvarle attraverso 7 mondi. Non è la prima volta che Peach non viene rapita, infatti ciò accade anche in Super Mario Bros 2.

A livello di trama quindi si presenta questo scostamento che non guasta affatto, permettendo al gioco di disincagliarsi dalla solita trama mariesca.

Super Mario 3D World,Aspettando la next gen, Aspettando la next gen – Super Mario 3D World

3D World o 3D Land?

Il titolo ha molto in comune con Super Mario 3D Land,uscito nel 2011 su Nintendo 3DS. Ne riprende il gameplay, alcuni livelli e caratteristiche che lo accomunano fin troppo al titolo portatile. Prima che uscisse, nel 2013, si era pensato ad una semplice riconversione del titolo 3DS su Wii U date anche le poche informazioni ed immagini portando a pensare che ormai Nintendo avesse esaurito già le cartucce da sparare sulla sfortunata console che nel frattempo, dopo un inizio niente male, era sprofondata nelle vendite.

Io stesso pensavo che non avrebbe funzionato un’idea del genere su Wii U e che si dovesse spingere per realizzare qualcosa di diverso che potesse garantire vendite e anche una “rinascita” delle saghe 3D di Mario. Dopo Super Mario Galaxy 2, apoteosi della bellezza per i titoli 3D, era davvero difficile tirare fuori qualcosa che lo eguagliasse o addirittura superasse. E così, infatti, non è stato.

Il risultato finale è un buon titolo che però non rinnova quasi nulla rispetto Super Mario 3D Land anzi puo’ sembrare una riedizione in grafica HD. Sia chiaro, è un titolo di fattura pregiata capace di divertire e intrattenere per tantissime ore anche e sopratutto in compagnia, ma è molto simile al titolo su 3DS (con alcuni nuovi elementi, ovviamente).

Super Mario 3D World,Aspettando la next gen, Aspettando la next gen – Super Mario 3D World

Che sia un pregio o difetto, questo dipende dai punti di vista. Per quanto il gameplay fosse ben  gestito anche a livello di varietà, intrattenimento e semplicità, non riesce a spiccare come dovrebbe.

Tralasciando alcuni problemi di telecamera quando si gioca in compagnia, personalmente in singolo mi ha intrattenuto tanto e mi ha ricordato molto Galaxy 2 per l’impostazione di alcuni livelli e per i mille segreti svelabili solo grazie ad un’attenta analisi dell’ambiente,delle prospettive e delle ombre. Apprezzabile anche lo “switch” da 3D a 2D in alcune sezioni particolari che riporta alla mente New Super Mario Bros.

L’elemento forse più fastidioso di tutti è il tempo a disposizione per completare il livello, spesso troppo poco. No, non parlo di facilitare l’esperienza, perché mette anche alla prova la bravura di un videogiocatore, parlo di permettere di godersi l’intero ambiente meraviglioso che si ha attorno, contornato da elementi colorati e scorci mozzafiato. E’ come se si andasse in cima alla Tour Eiffel e si stesse lì solo 10 secondi,senza permetterci di ammirare il mondo attorno a noi.

Nulla che pregiudichi l’esperienza, però avrei gradito un’estensione del tempo (che si può raccogliere anche nei livelli, anche se lo estende di poco) per permettere al giocatore di godersi anche la bellezza delle ambientazioni

La grafica prima di tutto

Anche i sostenitori della tesi “la grafica viene prima di ogni cosa” non potranno che concordare sul fatto che con Super Mario 3D World si sia fatto un lavoro egregio dal punto di vista tecnico sfruttando tutta la potenza di Wii U.

Super Mario 3D World,Aspettando la next gen, Aspettando la next gen – Super Mario 3D World

I colori spiccano, gli effetti di luminosità si alternano bene e tutto si muove in maniera fluida e senza alcun rallentamento anche quando si è in 4 a giocare e i livelli sono molto dettagliati, ricchi di elementi che sono altrettanto ben riprodotti. Anche le musiche dei livelli sono orecchiabili e alcune di loro rimarranno in testa per un bel po’. Sul versante tecnico quindi, Super Mario 3D World è una gioia per gli occhi e le orecchie. La creatività degli sviluppatori è espressa al meglio con mondi variegati e una mappa liberamente esplorabile che nasconde chicche e segreti.

Sì,ma…la difficoltà?

Un altro “tasto dolente” è la difficoltà del gioco. Forse per riuscire ad approcciare un pubblico di più giovani, Nintendo ha deciso bene di non calibrare la difficoltà gradualmente come avveniva nei titoli passati. Infatti, ci si aspetta una difficoltà crescente man mano che si progredisce nel gioco ma questo non accade, con livelli di difficoltà variabile,alcuni  scenari davvero molto facili anche in mondi avanzati. La varietà di segreti e di oggetti da collezionare invece si ampia sempre più insieme alle sfide a tempo che si possono affrontare.

E allora perché ha segnato Wii U?

Nonostante qualche difetto, Super Mario 3D World rimane una delle killer application di Wii U, riprendendo tutto ciò che c’è di buono nei precedenti capitoli e rimodulandolo con nuove trasformazioni per Mario (come Mario Gatto), nuovi mondi colorati e un divertimento stellare in multiplayer. Graficamente poi, è un piccolo gioiello. Peccato per lo scarso marketing e la scelta assurda di farlo uscire il giorno di uscita di PS4 in Europa..però chiunque abbia (ancora!) una Wii U deve assolutamente giocarlo.