I 10 accessori più inutili venduti da nintendo

Le case produttrici di videogiochi hanno sempre amato creare vaste quantità di accessori, spesso poco utili e molto costosi, per, a detta loro, donare al consumatore nuovi modi di giocare . Quasi in ogni caso questi accessori venivano utilizzati poco e spessissimo funzionavano anche male. 

Con l’ imminente arrivo della nuova console di nintendo, la Nintendo Switche dei suoi accessori che, a quanto annunciato sembrano essere veramente tanti e tutti molto costosi Yessgame vi propone la classifica dei 10 accessori più inutili venduti da Nintendo :

 

Numero 1) “Power pad” venne ideato per nintendo N.E.S. (una delle console più importanti della storia del videogioco) e ricorda molto le famose pedane per il gioco DanceDanceRevolution ma che, per l’epoca della console per la quale venne venduta non seviva praticamente a nulla se non per rendere inutilmente più faticosi stupidi giochi di corsa che vennero lanciati contemporaneamente ad essa.

Numero 2) “Super Scope” non è altro che una light gun ideata per il “Super Nintendo” ma esso non è una semplice pistola , infatti per questa periferica i nipponici vollero osare di più creando un bazooka giocattolo ma di enormi dimensioni giusto per rendere ancora più fitte le già minuscole case giapponesi ma allo stesso tempo renderlo il sogno (spesso proibito dai genitori) di ogni bambino. Per il resto questa arma di distruzione di massa non era altro che una ingombrante e pesantissima pistola ottica da poter usare nei vecchi televisori tubo catodici. 

Numero 3) “Super Chair” come si può dedurre dal titolo questo oggetto non è altro che una vera e propria sedia che funzionava come controller essa serviva per ricreare l’ assetto di una strana sottospecie di aereo militare al fine di ottenere un’ esperienza di gioco più realistica . 

( La sua inutilità è palese.)

Numero 4) “Game Boy camera” un piccolo aggeggio venduto anche in italia venduto per “Game Boy” (successivamente anche per “Game Boy color”). L’ accrocchio era composto da una normale cartuccia con una piccola fotocamera alla sua estremità la quale avrebbe potuto immortalare stupendi momenti con una ancor più stupenda risoluzione 120px x 123px su colori bianco e nero con questo accessorio potrete fare invidia a tutti gli Hipsters che girano con la “Canon” da 4000 euro!

Numero 5) “Game Boy Printer” non era altro che una piccola stampante che permetteva di mettere su carta i piccoli obbrobri stampati con la “Game Boy camera” citata prima rendendoli ancora più brutti e sgranati , ma allo stesso tempo molto affascinanti! (funzionava connettendola alla console tramite il classico cavetto ).

 

Numero 6) “Miracle Piano” non era altro che una semplicissima pianola dal suono poco armonico che poteva essere usata principalmente con solo due giochi entrambi noiosi e poco conosciuti i quali , per farla breve permettevano di suonare qualche semplice pezzo musicale e poco altro , dato il misero numero di pezzi disponibili e la bassissima qualità audio questo oggetto merita a pieni voti di entrare in classifica. 

Numero 7) “U Force” accessorio ideato per NES il quale era composto da due placche di plastica posizionate in maniera perpendicolare l’una dall’ altra le quali consentivano ovviamente in maniera mal funzionante di giocare solo con le mani , senza l’ uso del controller , questo oggetto costava veramente tanto e funzionava una volta si e 10 no ma rimane il fatto che fosse veramente utile per lasciare senza parole ogni amichetto! (questo prodotto ricorda per certi versi prodotti più moderni come “Leap Motion” ).

Numero 8) “R.O.B” enorme accessorio lanciato nel territorio americano per accompagnare l’ avvento del N.E.S. esso non era altro che un piccolo robottino il quale sarebbe dovuto essere un ipotetico secondo giocatore che avrebbe collaborato al gameplay .

Questo automa però aveva un unico difetto… Funzionava malissimo: era lentissimo , faceva gli stessi rumori di uno scaricatore di porto dopo il pasto ed era ingombrante e stupidamente ideato infatti R.O.B. funziona tramite l’uso di un circuito creato con dei perni e pesi in cui girano delle trottole, avete letto bene, proprio delle trottole, le quali tramite il loro peso sarebbero state in grado di premere gli imput dei tasti del pad a cui questo accrocchio sarebbe dovuto essere connesso. Per montarlo si doveva chiedere aiuto a degli ingegneri atomici e per nonostante tutto questa schifezza non funzionava neppure.

Ovviamente questo simpatico androide costava quanto il “pil” della Germania . 

Numero 9) “Power Glove” è forse il più famoso accessorio che la nintendo propinò al pubblico , esso vene venduto per il N.E.S.  e funzionava tramite un guantone con tastierino annesso il quale avrebbe permesso al giocatore un incredibile e fluidissimo controllo che si avvicinasse il più possibile alla realtà virtuale che, andava già di moda anche in quel periodo. Tutto molto bello peccato che anche questo oggetto non funzioni assolutamente e faccia schifo. Il costoso aggeggio venne anche sponsorizzato, oltre che con una campagna di marketing pressantissima , da una pellicola cinematografica intitolata: “Il piccolo grande mago dei videogiochi” tutta una buffonata con al centro questo straordinario (nel senso negativo del termine) pezzo di plastica. 

Numero 10) A proposito di pezzi di plastica… ecco l’ ultimo e , di conseguenza il più inutile oggetto mai concepito nella storia di nintendo ! 

Il “Nintendo Speedboard” commercializzato per N.E.S. cos’è lo Speedboard ? esso non è altro che un pezzo di plastica… esatto un diavolo di pezzo di plastica in cui sarebbe dovuto andare ad incastrarsi il piccolo pad del N.E.S. e, a detta di chi sto coso lo aveva creato esso sarebbe servito a migliorare la postura delle mani per rendere il gameplay più comodo e “tattico”… 

Direi che questi accessori si commentano proprio da soli però, essi nel bene e nel male sono rimasti nella storia del videogioco e nei ricordi di tutti noi videogiocatori !

 

 

Chi è l'autore: Francesco
sono un ragazzo appassionato di videogames da quando avevo 5 anni e mi è sempre piaciuto scrivere perciò eccomi qui !

Partecipa!

Get Connected!

Come and join our community. Expand your network and get to know new people!

Commenti

Ancora nessun commento